Costruzioni Gagliano realizzazione e vendita di immobili commerciali, immobili residenziali ed uffici direzionali

Home

Quarant’anni di esperienza e serietà con un solo obiettivo:
ACCONTENTARE IL CLIENTE

Personalizzare ogni abitazione a vostro piacimento, utilizzando ottimi materiali costruttivi e di rifinitura, dando alla casa quel qualcosa in più che da noi è normalità.
Vendita diretta da impresa costruttrice senza mediatori.

Costruzioni GaglianoCostruzioni Gagliano srl ha come obiettivo della sua garanzia professionale “la qualità”, intesa come capacità di ideare, concepire, realizzare un progetto in modo innovativo, che nasce dalla scelta dei materiali, dalla coordinazione ed aggiornamento di personale specializzato, dallo studio di architetture, spazi, particolari di progetto, per arrivare alla realizzazione di opere di ingegneria civile sempre più complesse. La qualità del prodotto e del servizio offerto alla Committenza è un preciso obiettivo imprenditoriale.

Servizi


Costruzioni Gagliano srl , nel corso degli anni, ha esteso le proprie radici nel settore immobiliare realizzando importanti complessi residenziali di grande prestigio, sia per conto terzi sia in proprio, ha progressivamente ampliato il proprio raggio d’azione conseguendo importanti risultati nel settore dell’edilizia residenziale.

 

Importanti clienti privati hanno infatti affidato significative commesse e ad oggi questo settore rappresenta il 100% dell’attività aziendale.

 

News e comunicazioni

OK DEFINITIVO AL DECRETO ‘SCIA 2’: COME SCEGLIERE IL TITOLO EDILIZIO GIUSTO

25/11/2016 – Via libera definitivo al decreto “Scia 2”, che individua il titolo edilizio richiesto per ogni intervento. L’ok al testo, che attua la riforma della Pubblica Amministrazione avviata dal Ministro Maria Anna Madia (Legge 124/2015), è arrivato durante il Consiglio dei Ministri di ieri sera.

Scia 2, come individuare il titolo edilizio corretto

Nato con l’obiettivo di semplificare il panorama normativo per la realizzazione dei lavori, il decreto individua quattro procedure principali: attività di edilizia libera, Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila), Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) e permesso di costruire. Scompaiono quindi la Dia e la Cil. È inoltre prevista la Scia alternativa al permesso di costruire.

La novità, rispetto all’impostazione delle norme precedenti, è che si parte dall’intervento da realizzare e non dal titolo abilitativo, rendendo più facile la consultazione del testo. Nella tabella presente nel decreto, in corrispondenza della voce che interessa, si vede quale titolo abilitativo è richiesto. I casi non contemplati rientrano automaticamente nella CILA.

Scia 2, le semplificazioni

Il testo fa rientrare nell’edilizia libera alcuni interventi per i quali è stata finora necessaria la Cil. Si tratta dell’installazione di pannelli solari e fotovoltaici a servizio degli edifici fuori dai centri storici, della pavimentazione e finitura degli spazi esterni, anche per la sosta, entro l’indice di permeabilità, della realizzazione di aree ludiche senza scopo di lucro e dell’installazione di elementi di arredo nelle aree pertinenziali degli edifici.

Si può utilizzare la Cila per il restauro e il risanamento conservativo che non interessa le parti strutturali dell’edificio.

La Scia alternativa al permesso di costruire è ammessa per ristrutturazioni pesanti, interventi di nuova costruzione e ristrutturazione urbanistica disciplinati da piani attuativi, interventi di nuova costruzione effettuati in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali. In questi casi, data la complessità degli interventi, non è possibile iniziare i lavori nello stesso giorno in cui si presenta la segnalazione, ma si deve attendere il termine di 30 giorni (come accadeva con la Dia).

Snellita anche la certificazione dell’agibilità degli immobili. Il decreto prevede che chi ha presentato la Scia, oppure il titolare del permesso di costruire, richiedano il certificato di agibilità entro quindici giorni dalla fine dei lavori. In alternativa sarà possibile presentare un’autocertificazione sottoscritta da un professionista.

Glossario unico in arrivo

L’opera di semplificazione e razionalizzazione sarà presto completata con il Glossario unico delle principali opere edilizie e delle categorie di intervento a cui appartengono, facilmente consultabile anche dai non addetti ai lavori. Sarà il Ministero delle Infrastrutture a redigerlo entro trenta giorni dall’entrata in vigore del Decreto ‘Scia 2’.

Fonte: http://www.edilportale.com/news/2016/11/normativa/ok-definitivo-al-decreto-scia-2-come-scegliere-il-titolo-edilizio-giusto_55203_15.html

 

j_55203_01